antica illustrazione trattamento shiatsu
antica illustrazione trattamento shiatsu *fonte web

Chi non muore si rivede!
Stasera è una serata triste per me.. Ho preso la decisione di non continuare il corso di shiatsu che avevo iniziato. Per chi non sa cosa sia lo shiatsu, come riporta google:

shiatsu
shi·à·tsu,ʃiˈa-/
sostantivo maschile
  1. Terapia fisica giapponese basata sulla pressione con le mani su determinati punti del corpo e diretta a ripristinare le energie del soggetto.

Avevo scovato questa disciplina ad una fiera del paese. C’era uno stand che praticava massaggi,ovviamente avevo già sentito nominare e avevo mamma e nonna che avevano ricevuto un trattamento. Non potendomi fermare a farmi fare la prova perché in compagnia di un’amica, ho chiesto informazioni riguardo le giornate di presentazione. La scuola ha sede a Rho, ho pensato fosse perfetto così vicino, purtroppo quella serata sarei stata a Valencia, quindi ho preso impegno per la presentazione a Cornaredo (paese a fianco a Rho) e ho invitato un’amica. Al termine della presentazione ero interessata ma titubante: io avrei dovuto toccare altre persone, e altre persone toccare me…Scherziamo?! Alla fine data la prima lezione gratuita la mia amica mi ha spinta a frequentare. Mi sono data il corso base per imparare, ma qui arriva il punto. Non so cosa sia scattato in me: inizialmente ero titubante, a toccare, farmi toccare, molto restia insomma al contatto fino al laboratorio di una giornata intera. Lì mi sono divertita e forse qualcosa è scattato in me. Il problema è che la mia amica per questioni economiche non ha più potuto iscriversi al livello 1 (la scuola si conclude in 3 anni e mezzo-4 anni: sono un tot ore di scuola e di tirocinio, dopodiché ti diplomi e lo puoi fare a livello professionale), e quindi io che mi conosco, sono altamente incostante, mi stufo subito e sicuramente non voglio farlo diventare un lavoro ho vacillato fino a 10 minuti fa. Ho iniziato a scrivere questo articolo, convinta di non andare, ma alle 20.52 ho deciso di vestirmi ed uscire, sfrecciare come il vento. Perché dovermi negare qualcosa che mi fa stare bene anche solo per breve tempo?

Beh da oggi proverò a cogliere di più quel benessere che mi lasciano anche le piccole cose.

With love <3
Chiara Roberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.